ISTITUTO COMPRENSIVO
“DON L. MILANI”

 

Chi siamo

L'Istituto Comprensivo Don Lorenzo Milani, accoglie nei  Plessi ubicati in via Turati, via Ferdinando I, via Aldo Moro e via Leone XIII, bambine/i e ragazze/i in una fascia di età compresa fra i tre e gli tredici anni circa. I plessi sono situati  in un quartiere, ad alta densità abitativa, caratterizzato da insediamenti residenziali dovuti all'espansione urbanistica degli anni ’70 – ‘80.

Considerata l’importanza della realtà sociale, civile ed economica del  territorio in cui si esplica l’azione educativa, l'Istituto reputa opportuno instaurare  possibili punti di relazione con le diverse istituzioni, allo scopo di fruire di tutte le risorse, culturali e non, presenti nella città  e particolarmente di quelle che insistono sui quartieri dove sono collocati i Plessi.

Per  rispondere alle esigenze della comunità scolastica l’Istituto intende attuare    la seguente  MISSION

“Scuola per i diritti; scuola del Diritto”

Si vuole, attraverso un percorso orientato alla pratica del rispetto dei diritti di tutti e di ciascuno e alla conoscenza delle norme essenziali che regolano la vita condivisa, guidare l’alunno, fin dal primo anno di frequenza della scuola dell’infanzia, a un’evoluzione consapevole e responsabile della propria personalità, in modo consono ai valori di  cittadinanza e aderenza alla Costituzione, ai diritti umani e dell’ambiente, con particolare riferimento alla maggior parte dei punti dell’articolo 1, comma 7, L.107/15.

La riflessione che orienta le scelte del nostro Istituto è legata ai  percorsi storici dello stesso, in base ai quali si è distinto per le competenze nell’inclusione, nella valorizzazione delle differenze e peculiarità degli alunni, e nel rispetto dei modelli educativo-didattici strettamente connessi con l’educazione alla legalità e alla salute intesa dal punto vista tanto fisico, privilegiando la pratica sportiva, quanto emotivo-affettivo-relazionale, dando notevole rilevanza a progetti aventi come obiettivo l’acquisizione di consapevolezza, di competenza relazionale  e di orientamento verso le proprie naturali attitudini.

La scuola pertanto, s’ impegna a perseguire gli obiettivi prefissati attuando:

       

modalità didattiche fondate su compiti autentici; su esperienze facilitatrici del processo di conoscenza, che       

           sollecitino atteggiamenti mentali metacognitivi grazie all’attenzione ai processi più che ai prodotti;  stimolando   

           la  consapevolezza di sé e dei propri processi mediante una graduale introduzione tra gli alunni  di processi di

           autovalutazione e valutazione intesa al miglioramento dei processi. 

   

un clima favorevole mediante la creazione di ambienti di apprendimento ottimali; una comunicazione circolare  positiva e adeguata ai livelli della classe; un atteggiamento attento agli stati d’animo degli alunni, rispettoso dei  loro punti di vista, capace di ascolto  empatico, non sanzionatorio né giudicante;

valorizzare  le competenze e il benessere del personale docente, anche mediante la sollecitazione della    riflessione sui percorsi comuni, sulle competenze personali, sulle capacità relazionali e progettuali, certi che la  qualità dell’insegnamento passi attraverso la condivisione di valori, di esperienze e di un benessere diffuso.

3.1 PRINCIPI ISPIRATORI

L’Istituto intitolato a “ Don Lorenzo Milani” ha sempre ispirato le proprie scelte pedagogico-didattiche guardando ai tratti più salienti della sua personalità: attenzione agli ultimi, responsabilità (presa in carico), testimonianza, valorizzazione della libertà, laicità, forte tensione al nuovo ed eticità.

Il P.T.O.F. per il prossimo triennio  si pone in una linea di continuità e di sviluppo rispetto agli esiti registrati nel precedente anno scolastico. Tenendo conto dei quadri innovativi  entro i quali si  muove la  Riforma della Scuola,  le idee pedagogiche che lo ispirano, e l’Atto d’Indirizzo del Dirigente scolastico, i principi di riferimento sono:

       

Promozione della” persona” tenendo conto delle tre I:  “irripetibilità”, “irriducibilità”, “inviolabilità”;

       

“Tutti a scuola” in una scuola che non seleziona ma che orienta;

       

“Teste ben fatte”: educare ad apprendere tenendo conto della pluralità delle intelligenze;

       

“Questione del cuore” nella creazione di un clima positivo connotato dalla ricchezza dialogica;

       

Promozione di azioni di “orientamento”,” d’integrazione delle diversità”, di “attenzione all’ecologia e allo sviluppo sostenibile”;

       

Organizzazione di attività di ampliamento, approfondimento, recupero e accoglienza con forte attenzione  alla personalizzazione.